A quali servizi online non potresti rinunciare?

Ultimo aggiornamento:

A quanti servizi online ti sei registrato negli ultimi anni? Quanti di essi li hai provati per solo un giorno per poi abbandonarli al loro destino? Pochi? Molti? O forse troppi?

Mi fa sorridere immaginare che, in molti casi, il ciclo di vita dell’utente di questi nuovi servizi (non so perché ma mi viene in mente BranchOut ;)) potrebbe essere il seguente:

  1. si iscrive o riceve un invito ad iscriversi al servizio XYZ;
  2. compila un po’ di informazioni sul suo profilo;
  3. dopo aver effettuato la registrazione inizia subito ad invitare amici, conoscenti e contatti sconosciuti su Facebook;
  4. collega il nuovo account XYZ a Twitter, Facebook, Flickr, YouTube …etc…
  5. chiude il browser e nei giorni successivi aprirà il sito XYZ solo quando riceverà inviti da altre persone
  6. dopo un paio di settimane cancellerà direttamente le email degli inviti senza nemmeno aprirle 😉


Confesso di aver seguito pure io, in alcuni casi, un iter simile a questo, anche se fortunatamente ho sempre evitato di schiacciare il fatidico pulsante “manda inviti all’intera popolazione mondiale” 😉

Alla fine però i servizi che continuo ad utilizzare da parecchio tempo ed apprezzo, sono pochi. Sono quelli che hanno superato l’esame più difficile: quello di riuscire a diventare un’abitudine quotidiana e uno strumento irrinunciabile.

Nel mio caso, mi riferisco principalmente a servizi come:

  • Dropbox
    che utilizzo come backup, sincronizzazione e condivisione di file e persino versioning.
  • Evernote
    per non dovermi mai più ricordare dove ho scritto quegli appunti e per organizzare i materiali, idee e link relativi ai vari progetti.
  • Pocket
    per poter salvare tutti i link e le pagine Web e poi leggerle in un secondo momento.

Cosa hanno in comune questi servizi?

  • Sono tutti gratuiti ma dispongono anche di una versione o di alcune funzionalità a pagamento.
  • Sono tutti utilizzabili da Mac, PC, iPhone e altro ancora.
  • Risolvono un problema reale in modo semplice ed evitano sprechi di tempo.
  • Aggiungo inoltre che sono servizi per i quali sarei disposto a pagare per continuare ad utilizzarli.

Ai servizi sopra citati aggiungo anche NordVPN, un servizio online completamente differente da quelli precedentemente citati ma che ormai trovo estremamente utile, dato che permette di navigare su Internet nascondendo il proprio indirizzo IP e consentendo di accedere a siti e servizi altrimenti non utilizzabili dall’Italia.

Quali sono per te i servizi online irrinunciabili?

Altri articoli che ti consiglio

5 commenti su “A quali servizi online non potresti rinunciare?”

  1. Sono da poco diventato possessore di un iPhone, e devo dire che concordo con te sul tipo di servizi, anche se nello specifico uso: la sincronizzazione di Notes con Gmail per gli appunti (invece di Evernotes e Remember the milk), la sincronizzazione del Calendario con Google Calendar e Thunderbird, per avere gli appuntamenti su tutte le piattaforme che uso, un Price Scanner per sapere se quello che sto comprando ha il prezzo giusto 😉

  2. Sicuramente, al primo posto metto Dropbox. Ormai davvero insostituibile.
    Aggiungo poi anche io Evernote e, se lo possiamo considerare servizio a tutti gli effetti, chiudo con Google Reader.

    Readit later mi incuriosisce, ma per annotarmi le cose uso gia’ Evernote. Magari questo e’ piu’ specifico, non so. E’ che non mi va di farmi un nuovo account in giro 😀

    • Diciamo che Read It Later pensato proprio per prendere nota delle pagine Web da leggere in un secondo momento. Però non si limita a questo, permette infatti di leggerle in un secondo momento sia da pc che da dispositivo mobile e anche quando ci si trova offline. L’estensione per Firefox poi è comodissima 🙂

I commenti sono chiusi.